Udienza Santo Padre delegazione Infermieri – 3 marzo 2018

Il Collegio IPASVI di Como ha il piacere di comunicare ai propri iscritti che il giorno

3 marzo 2018 alle ore 12.00

presso l’Aula Paolo VI in Vaticano, Papa Francesco riceverà in udienza privata, una delegazione di 6500 Infermieri della  Federazione Nazionale IPASVI.

I posti disponibili sono limitati. Per il Collegio IPASVI di Como sono riservati n. 36 posti.

Le adesioni all’importante iniziativa verranno raccolte utilizzando il criterio di iscrizione ai nostri corsi, al fine di garantire trasparenza nella raccolta dei nominativi. A chiusura dei posti a disposizione, sarà possibile procedere all’iscrizione in “lista d’attesa”, in caso di rinunce o eventuale ampliamento delle disponibilità.

Ricordiamo che per procedere all’iscrizione è necessario possedere la PEC e relativa password.

Gli iscritti che non sono ancora provvisti di PEC possono procedere all’attivazione utilizzando il modulo presente nella sezione “attiva la tua PEC” della home page compilando il modulo di adesione http://www.ipasvicomo.it/documenti/modulo%20adesione%20iscritti.pdf

Gli iscritti che hanno difficoltà nell’utilizzo della PEC o nel reperimento della password sono pregati di contattare la Segreteria del Collegio IPASVI di Como.

Le iscrizioni verranno aperte lunedì 15 gennaio alle ore 8.30 accedendo al seguente link http://www.ipasvicomoeventi.it/Elenco_Eventi.aspx  fino ad esaurimento posti e comunque IMPROROGABILMENTE entro e non oltre il 2 febbraio 2018.

Il Collegio garantirà l’accesso all’udienza tramite operazioni di reclutamento previste dalla Federazione e la relativa raccolta di documenti necessari, per quanto concerne gli aspetti logistici di trasposto ed eventuale soggiorno sarà autonoma facoltà degli iscritti procedere in tal senso.

Il nuovo Codice deontologico dell’Infermiere:al via la consultazione pubblica tra gli iscritti!

La presidente della Federazione Ipasvi, Barbara Mangiacavalli, ha dichiarato: “Il Codice Deontologico è una guida e una regola per garantire la dignità della professione e per questo va rispettato e seguito da tutti. E per questo abbiamo scelto anche la strada del confronto e della consultazione pubblica con tutti coloro i quali vorranno intervenire, suggerire, proporre idee e soluzioni per far crescere ancora la nostra professione. Il Codice è per gli Infermieri e degli Infermieri. Li rappresenta e li tutela e mette nero su bianco la loro promessa di prendersi cura fatta da sempre ai cittadini”.

Ecco, quindi, che attraverso diverse modalità e tramite il proprio Collegio di riferimento (vedi link) ogni Infermiere può contribuire alla formazione dell’ormai prossimo Codice Deontologico che, per un altro decennio, andrà a guidarlo nel proprio agire professionale.

 FONTE: Federazione Nazionale Infermieri

LINK ALL’ARTICOLO: http://www.ipasvi.it/attualita/nuovo-codice-deontologico-dell-infermiere-al-via-la-consultazione-pubblica-tra-gli-iscritti-id2021.htm

Af